• Home
  • Blog
  • Come scegliere un Gruppo Elettrogeno

Come scegliere un Gruppo Elettrogeno

Un gruppo elettrogeno deve essere selezionato con grande attenzione in modo tale che sia possibile poter fare un utilizzo corretto dello stesso oggetto. Ecco come scegliere quello che risulta essere ideale per le proprie esigenze.

Potenza del gruppo elettrogeno

Primo tipo di requisito fondamentale che va ad incidere sulla propria scelta è quello della potenza che riesce a sprigionare tale tipologia di oggetto. Questa viene generalmente espressa in KWA e permette di capire quanto sia appunto potente il suddetto motore. In base agli oggetti e strumenti che si devono alimentare con la corrente elettrica, sarà possibile effettuare una scelta che risulta essere corretta e che garantisce l’opportunità di poter effettivamente mettere in funzione quei tipi di oggetti. Se il gruppo elettrogeno serve per alimentare momentaneamente la propria casa sarà necessario puntare su un livello di potenza superiore mentre, per una semplice serie di lampade o comunque pochissimi oggetti, si potrà optare per un gruppo meno potente.

Il tipo di alimentazione

Occorre anche considerare il fatto che ogni gruppo elettrogeno viene alimentato in modo diverso. Generalmente si parla di alimentazione a carburante oppure di un gruppo elettrogeno che funge anche da accumulatore di energia elettrica che verrà conservata collegando questo oggetto alla rete elettrica domestica. Bisogna mettere in risalto come nel primo caso si abbia una potenza leggermente superiore ma si produce una piccola quantità di inquinamento e soprattutto i costi di questi modelli sono un po’ più elevati mentre, nel caso dell’accumulatore, si parla di uno strumento che produce meno energia, ne contiene meno ma non comporta particolari livelli di attenzione molto elevati durante l’utilizzo dello stesso strumento.

Lo scopo dell’utilizzo

Oltre a tutto questo, si deve considerare lo scopo per il quale si deve utilizzare il gruppo elettrogeno. In uno spazio contenuto è meglio utilizzare i gruppi elettrogeni a batteria mentre, quelli maggiormente potenti ovvero quelli alimentati ad idrogeno, sono ottimi se ci si trova in un ambiente all’aperto privo di fonti di calore e fiamme libere.

Dimensioni e praticità d’utilizzo

Un parametro che influisce in maniera secondaria, rispetto a tutti gli altri, risulta essere quello delle dimensioni e della praticità d’utilizzo. Il gruppo elettrogeno deve essere ovviamente caratterizzato da questi due aspetti che permettono di sfruttare al massimo lo stesso oggetto: inoltre è bene sottolineare come un gruppo elettrogeno di piccole dimensioni non necessariamente risulta essere meno potente di uno maggiormente ingombrante. Il gruppo elettrogeno deve essere anche semplice da utilizzare ed immediato: i collegamenti non devono mandare in tilt una persona ma permetterle di poter operare in maniera semplice e corretta sfruttando appunto tale oggetto. Pertanto la selezione deve essere svolta considerando anche questi semplici parametri.

Questi sono alcuni spunti che permettono di scegliere un buon gruppo elettrogeno, il quale potrà essere trovato sul portale online di Bovesrl.com