• Home
  • Blog
  • Quadri Elettrici di comando per gruppi elettrogeni

Quadri Elettrici di comando per gruppi elettrogeni

I quadri elettrici di comando per gruppi elettrogeni rappresentano un tipo di strumento che risulta essere fondamentale e che, come tale, necessita di essere analizzato con grande attenzione. Ecco tutto quello che bisogna sapere su tali strumenti.

I quadri elettrici ed il primo tipo

Questi dispositivi svolgono un compito molto semplice: permettono infatti di azionare il gruppo stesso, consentendo quindi di avere l’energia elettrica in casa, in azienda o in altri ambiti che necessitano appunto della corrente elettrica. Questi gruppi si suddividono in due grandi famiglie, di cui la prima risulta essere quella manuale. Come suggerisce il nome stesso questi quadri necessitano della mano dell’uomo per poter essere azionati: i diversi tipi di funzioni potranno essere attivate senza alcuna tipologia di complicazione, grazie ad una serie di pulsanti o leve che consentono appunto di azionare questo sistema. Esso può essere azionato sia per accumulare l’energia elettrica, sia per poter sfruttare quella che viene appunto incamerata dal gruppo elettrogeno. In entrambi i casi si tratta comunque di un sistema che necessita di controllo e che deve essere adoperato con cautela ed inoltre, la tipologia dei quadri automatici, non rientra nella categoria di emergenza, visto che in questo caso, il gruppo elettrogeno viene appunto azionato dalla mano dell’addetto. Con questi quadri è possibile alimentare tutte le apparecchiature collegate alla rete del gruppo elettrogeno.

Il modello automatico

La seconda famiglia è invece composta dai gruppi elettrogeni con quadri automatici. In questo caso il gruppo entra in funzione nel momento in cui l’alimentazione della rete elettrica risulta essere assente. Occorre sottolineare il fatto che, il suddetto gruppo, consente anche di accedere a diverse funzioni: sarà possibile impostare, mediante l’utilizzo del quadro, sia la funzione manuale che quella automatica. Inoltre tale tipologia consente pure di effettuare diversi test che consentono di verificare l’esatto funzionamento del gruppo, evitando quindi che possano sorgere delle complicazioni di ogni tipologia nel caso in cui dovesse mancare la corrente elettrica.

Il gruppo parallelo

Occorre anche parlare del quadro del gruppo parallelo quando si parla di quelli automatici. Si tratta di una particolare scheda madre che regola il corretto funzionamento del gruppo con quadro automatico, consentendo quindi un risultato finale di prima qualità e lasciando poco spazio ai malfunzionamenti. Se la rete elettrica funziona correttamente il gruppo elettrogeno non verrà azionato per alimentare quella struttura ma, al contrario, fungerà da accumulatore di energia elettrica, staccandosi nel momento in cui la carica volge al termine ed entrando in funzione nel momento richiesto, senza sovraccaricare la rete elettrica normale.

Lascia un commento