• Home
  • Blog
  • Gruppi Elettrogeni: motori alimentati a GPL e Metano

Gruppi Elettrogeni: motori alimentati a GPL e Metano

Gruppi Elettrogeni motori alimentati a GPL e Metano

I gruppi elettrogeni con motori alimentati a GPL o gas naturale (metano), si sono sviluppati sempre di più negli ultimi anni, per rispondere alle esigenti richieste dei consumatori alla ricerca di prodotti con basso costo di consumo, che permettano un risparmio economico importante nel rispetto dell’ambiente che ci circonda.

I generatori di corrente con motori alimentati a diesel o benzina, sono prevalentemente utilizzati per esposizioni fieristiche o grandi eventi che si svolgono all’aperto o in strutture e abitazioni isolate e relativamente lontane, perché generalmente risultano più rumorosi in quanto sono meno insonorizzati, caratteristica che li rende anche più economici all’acquisto.

Chi abita invece in un appartamento o in contesti urbani, predilige l’uso di gruppi elettrogeni silenziati con alimentazione GPL o metano, perché possono essere utilizzati tranquillamente anche in abitazioni non troppo grandi senza troppe controindicazioni, data la rumorosità e le dimensioni contenute.

I generatori di corrente con alimentazione a GPL sono particolarmente indicati anche per campeggi o feste occasionali in giardino o all’aperto, dove non è possibile far arrivare la corrente elettrica. Mentre quelli alimentati a metano sono più per un uso frequente e prolungato nel tempo, l’allaccio ad una rete locale di distribuzione, consente di generare un flusso di corrente continua senza interruzioni e soprattutto senza preoccuparsi ogni volta di riempire il serbatoio.

Quindi i motori a gas, risultano particolarmente indicati per usi prolungati. Mentre per i modelli a GPL l’autonomia risulta vincolata alla capacità della bombola o del bombolone a cui è collegato, per quelli a metano l’autonomia del carburante risulta essere illimitata.

Un’altro aspetto importante, e mai banale, è il discorso legato alle emissioni nocive degli scarichi dei motori, altro punto di forza dei suddetti modelli a gas che risultano essere più virtuosi. Questo perché in queste tipologie di carburante non c’è traccia sia di piombo che di benzene, che rientrano tra le sostanze più inquinanti e nocive che sono invece presenti negli altri carburanti di origine fossile. I generatori elettrici in funzione emettono fumi di scarico ed è per questa ragione che vanno posizionati all’esterno, in luoghi riparati dai vari agenti atmosferici e non nelle vicinanze di materiale infiammabile.

In commercio ci sono a disposizione modelli con diverse potenze. Chi desidera acquistarne uno per abitazioni private, può dirigere la propria attenzione su potenze da 1.5 KW mentre per esigenze diverse o di cantiere ci sono a disposizione modelli da 2.8 e 3.0 KW. All’occorrenza esistono anche generatori di corrente a gas da 20 KW ed anche oltre, ma risultano riservati ad usi industriali o legati a grandissime manifestazioni all’aperto.